Cisterna di Latina, un paese di 35.000 abitanti senza una sala cinematografica. Per colmare questa mancanza, nasce nel 2015 il Cisterna Film Festival – Festival Internazionale del Cortometraggio. Direttore artistico della rassegna è Cristian Scardigno, nato e cresciuto a Cisterna. La direzione organizzativa è affidata all’Associazione Culturale Mobilitazioni Artistiche, attiva nella provincia di Latina dal 2011.
Nelle prime tre edizioni, il Cisterna Film Festival ha fatto registrare numeri importanti. Quasi 10.000 iscritti da oltre 100 paesi del mondo. Nel 2015 sono stati 24 i film selezionati in concorso e 5 proiettati nella sezione di video-arte. E’ stato l’anno dei film di animazione, con il premio della giuria assegnato al corto francese “Premier Automne” di Carlos De Carvalho e il Premio del Pubblico consegnato allo spagnolo “Cuerdas” di Pedro Solís García. L’anno successivo il concorso ufficiale ha visto la partecipazione di 21 cortometraggi, ai quali si aggiungono le 6 opere di video-arte e altri 6 film nella nuova sezione dedicata ai ragazzi, Next Generation. Vincitore assoluto di questa edizione (per Giuria e Pubblico) è stato il docu-film canadese “My enemy, my brother” di Ann Shin. Nel 2017 sono stati proiettati 18 film in concorso, 2 fuori concorso, 5 nella categoria sperimentale rinominata Altre Visioni, altrettanti nella sezione Next Generation e 6 nello speciale Focus sulla Polonia in collaborazione con l’Istituto Polacco di Roma. Ad aggiudicarsi il Premio della Giuria come miglior film, “Il silenzio”, corto italo-francese diretto dagli iraniani Ali Asgari e Farnoosh Samadi, mentre il pubblico ha incoronato il finlandese “Fantasia” di Teemu Nikki. Da registrare la sempre crescente partecipazione di pubblico, che tutti gli anni ha gremito lo storico Palazzo Caetani, sede dell’evento, arrivando a superare la soglia delle 600 unità totali nel corso delle serate di proiezioni.